Dall'Italia era stato espulso nel febbraio dello scorso anno. Eppure un cittadino albanese di 23 anni, incurante del provvedimento, aveva fatto ritorno nel nostro Paese, contravvenendo anche al divieto di dimora nel comune di Pioltello, alle porte di Milano, del quale era destinatario. I carabinieri della locale compagnia lo hanno infatti arrestato ieri pomeriggio proprio a Pioltello, nel "Quartiere satellite".

Il 23enne è stato sorpreso alla guida di un'auto rubata. I militari lo hanno notato mentre attraversava le strade del paese: lo hanno quindi seguito discretamente, effettuando nel contempo un controllo della targa del veicolo, risultato rubato il 2 marzo scorso in provincia di Cremona. Il pedinamento si è concluso in via Bellini: il 23enne si è trovato dinanzi una gazzella dei carabinieri della Compagnia di Cassano d’Adda, fatta convergere sul posto dai colleghi. Alla vista dei militari il 23enne ha abbandonato il veicolo, tentando inutilmente la fuga a piedi: è stato bloccato dopo pochi metri dai carabinieri. Adesso comparirà davanti al giudice per la direttissima: deve rispondere di inosservanza del decreto di espulsione dal territorio nazionale e ricettazione.