Un bambino di soli 15 mesi è morto ieri sera all'ospedale Buzzi di Milano, dov'era ricoverato in condizioni disperate da mertedì. Il piccolo, residente a Lodi, lunedì sera è rimasto vittima di un tragico incidente domestico: il bimbo, mentre era in casa, ha ingoiato una pallina, dal diametro di circa 4 centimetri. Il corpo estraneo gli si è incastrato nella trachea, soffocandolo. A riportare la tragedia il quotidiano locale "Il Cittadino".

Lunedì sera il ricovero a Lodi, poi il trasferimento al Buzzi di Milano.

Per due giorni il piccolo ha lottato tra la vita e la morte. Lunedì sera i genitori del bambino lo avevano trovato in preda alle convulsioni. Mamma e papà lo avevano quindi trasportato d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale Maggiore di Lodi, dove è arrivato intorno alle 20, già in arresto cardiaco. I medici sono riusciti a individuare la causa del malore, hanno estratto la pallina dalla gola e hanno iniziato le manovre per rianimare il bambino. Per mezz'ora hanno continuato a praticare le manovre rianimatorie: poi il bambino, che non ha ripreso conoscenza, è stato trasportato nel reparto di Terapia intensiva.

Mercoledì pomeriggio è stata dichiarata la morte cerebrale del bimbo.

Il giorno seguente il bimbo è stato trasferito in un altro reparto di Terapia intensiva, in questo caso dell'ospedale Buzzi di Milano, specializzato nella cura dei bambini. Anche qui i medici hanno tentato in tutti i modi di rianimare il piccolo, ma è stato purtroppo tutto inutile. Mercoledì pomeriggio è stata dichiarata la morte cerebrale del bambino.

Il precedente: un bimbo di 3 anni morto soffocato da un pomodorino.

Solo qualche giorno fa, il 30 agosto, in un comune del Mantovano si era verificata una tragedia simile. Un bambino di 3 anni aveva ingoiato un pomodorino, rimanendo soffocato dall'alimento. Nonostante la corsa disperata dei genitori in ospedale e i tentativi dei medici, il bambino è purtroppo morto.