Ci saranno come anticipato le cascate d'acqua, in omaggio alla città dei Navigli. E ci sarà un ingresso a gradoni che creerà una sorta di teatro dove organizzare incontri, concerti ed eventi pubblici. Apple ha finalmente svelato sul proprio sito come sarà il primo store ufficiale di Milano, che aprirà in piazzetta Liberty probabilmente entro la fine di quest'anno. Contemporaneamente il cantiere è stato coperto da una particolare recinzione, costruita, scrive l'azienda di Cupertino, "per rispettare la comunità, nell’intenzione di proteggere la piazza durante i lavori. Come sa chi ci segue da anni – prosegue Apple – questa è la prima volta che rendiamo pubbliche le foto sulla ‘cesata’ di protezione del cantiere. La recinzione è stata studiata e progettata anche per dare ai cittadini le informazioni relative allo store che stiamo costruendo. Per questo motivo, chiunque passi davanti alla barriera sarà in grado di vedere i rendering di quale sarà l’aspetto della piazza".

La società di Cupertino ha svelato anche sul proprio sito i rendering ufficiali del progetto, ponendo fine alle tante voci che si sono diffuse da quando sono partite le trattative per acquistare i locali dello storico cinema Apollo, "sfrattato" non senza polemiche: "Siamo incredibilmente felici di essere nel centro di Milano, città che da secoli unisce creatività e innovazione. In questi mesi lavoreremo per darvi una nuova piazza Liberty: uno spazio aperto a tutti dove fare una pausa, trovarsi con gli amici, scoprire nuovi interessi", è scritto sul sito web della compagnia.

Apple: "Lo store c’è ma non si vede"

I rendering confermano che il centro della piazza sarà scavato, creando un teatro a gradoni (Apple parla di anfiteatro, ma lo spazio è più propriamente un teatro) che fungerà anche da ingresso allo store. Vi si accederà passando tra due alti pareti d’acqua: "Sono quelle che formano la grande fontana, omaggio alle piazze italiane e allo stretto legame tra Milano e i suoi navigli". La piazza sarà sempre aperta e si appresta a diventare un nuovo luogo di aggregazione a pochi passi da corso Vittorio Emanuele II e dal Duomo.

"Più che un negozio vogliamo creare un punto d’incontro e di ispirazione, un crocevia di tecnologia e creatività nel centro di Milano", spiegano da Cupertino. Nello store difatti non ci saranno solo tutti i prodotti e gli accessori Apple, ma anche tante opportunità per imparare a usarli al meglio. Completa l'apertura un calendario pieno di eventi interessanti, per tutto l’anno: dai programmi per ragazzi alle sessioni per le imprese. È parte integrante del contratto tra la società di Tim Cook e Palazzo Marino. In aggiunta sono previsti incontri "con grandi talenti creativi: artisti, designer, fotografi, musicisti e programmatori della città e di tutto il mondo".